Jam Session

Il desiderio e il Sogno


Cogli in ogni momento l’opportunità per osservarti

Jam Session con Joanna e Aleksandra Cichuta

Per comprendere i meccanismi che regolano la tua vita nel flusso degli eventi che scorrono su questo incredibile schermo televisivo che chiami ‘realtà’.

L’osservazione di sé stessi rappresenta un varco, uno spazio creato tra osservatore ed osservato, tra te e te stesso, creando un punto d’osservazione esterno. Il momento migliore per condurre l’esperimento è proprio quello in cui stai dimenticando, quando insegui vanamente le figure create dai tuoi incubi, quando soggiaci all’orrore, alla dimenticanza e all’identificazione con il dolore che diventa una sensazione pressochè continuativa ed amichevolmente conosciuta.

Fin dall’antichità l’uomo si racconta le favole del labirinto e dell’eroe pronto ad entrarvi agguantando il fil rouge dell’osservazione. Con lo scudo levigato a specchio (la speciale protezione che elude la forza dell’antagonista e rende invisibile l’eroe) egli sfugge alla cattura del mondo!

Osservati dormiente e sonnambulo mentre ti rechi a scuola o al lavoro, svegliati dal sonno mentre stai scivolando nell’oblio, nella trappola delle tue proiezioni. Trasformati in cacciatori di taglie, scendi nelle ombre e addentrati nell’oscurità, equipaggiati per la caccia grossa e sii pronto a stanare prede dai nomi antichi, paura, violenza, addiction…

Impara l’imparziale distacco nel bel mezzo della tormenta delle tue passioni….

‘Fearlessness’ è il frutto di una feroce determinazione, l’assenza di paura non ha niente a che vedere con il coraggio, non è possibile cancellare la paura ma quello che puoi fare è guardala in faccia e affrontarne il ghigno. Cosa covi in te stesso? Solo scavando nelle parti più buie, remote e nascoste potrai raggiungere l’assenza di paura…

Fearlessness!

Sarà la luce dell’autosservazione a fugare le tue ombre, fantasmi come desideri e paure svaniranno dal tuo essere istantaneamente alla personale realizzazione che ciò che si riflette nello specchio fedele della realtà, anche un incidente o un crack finanziario, è un evento da te inconsapevolmente richiesto.

Il desiderio si realizza perfettamente quanto più allontana da sé il suo raggiungimento, il compimento di un desiderio è antibiotico a se stesso, per questo il desiderio, qualunque esso sia, è e rimane irrealizzabile.

Elimina il desiderio per avere di più, uccidilo, trascendilo ed approda alle sponde del Sogno.

Un uomo che si trova a combattere in una guerra a lui estranea desidera tornare a casa ed il sogno che è al servizio dell’uomo si realizza istantaneamente, egli resterà prigioniero del suo desiderio di tornare a casa proprio nel campo di battaglia, oppure egli può sognare di essere a casa e comprendere che lui è li, in quella trincea perché lo ha sognato, lo ha commissionato con cura ed infine ha pianificato con estrema perizia le sue condizioni attuali. Questo è vero per ogni situazione in cui ti stai trovando.

Desiderare di innalzare la propria posizione sociale o desiderare di trovare un rapporto importante con una persona non è garanzia di successo. Desiderare una vincita milionaria al gioco ed ottenerla, lungi dall’essere una fortuna può rivelarsi il peggior incidente della tua vita, quel denaro, non conquistato da un lavoro interno si scioglierà come neve al sole e vedrai svanire anche l’amore più grande della tua vita, se resta un evento esterno a te stesso.

Il Sogno è una funzione della volontà, l’uomo non è vittima di forze oscure, l’unica oscurità che esiste è quella che alberga in sé stesso e l’unica luce che può fugare il buio è la lanterna dell’autosservazione. Prova  ad importi la felicità, ora, in quest’istante e vedrai che non ti è possibile, è uno sforzo sovrumano, come tirarsi per i capelli per cercare di volare…

La tecnica che ti ha portato il Dreamer è quella di farti entrare ancor più nella tua infelicità, nel mare nero della disperazione, cercando volontariamente di penetrare la spessa coltre delle incrostazioni che ti impediscono di essere felici per aprire un varco. Se il buio e la violenza che hai dentro ti spaventano, entra nel buio più fitto, se la speranza muore in te soffocata dalle spine del dolore, non sfuggire… se sei determinato e pronto scoprirai che il dolore, la sofferenza, il buio e la violenza non esistono e la scarsità, il limite e la bugia sbiadiranno alle prime luci dell’alba.

La conquista di te stesso è la battaglia più nobile che un guerriero possa augurarsi e apre le porte alla realizzazione più importante, ci sei solo tu che crei tutto e gli altri secondo uno splendido gioco che hai messo in atto e nutrito con amore momento per momento. Anche se ti trovassi in un paesaggio infernale, sarebbe sempre il tuo senso dello spettacolo e la tua creatività ad avergli dato il diritto di esistere.

Osservati attentamente quando pronunci anche solo nell’intimità del tuo cuore, ah se avessi quella cosa sarei completamente felice…. Lì giace la menzogna, lì devi intervenire, appena entri in quello stato d’animo sorridi di te stesso, l’autoironia è un potente strumento d’indagine.

Sii felice, appagato ed in uno stato d’abbondanza, il Sogno attecchisce su un terreno fertile, il sogno è già qui in te ed attende solo di un gesto per inondare la tua vita, il Sogno non ha confini, non ha limiti. Il sogno si realizza nell’istante, adesso, qui e ora, non vi è un gap temporale tra ciò che sei ora e ciò che sogni…

I poteri creativi dell’uomo permettono al desiderio di realizzare se stesso e sono gli stessi poteri che conferiscono al sogno la sua completa realizzazione, infatti tu sei un essere realizzato, siete tutte persone di successo perchè le cose all’esterno corrispondono perfettamente al tuo stato d’essere.

Sii felice e tutto accadrà, tutto ti arriverà di diritto, assaporerai uno stato di appagamento e di perfetta unione con la cosa che vuoi. Questo è il sognare.

Fearlesness significa onnipotenza…

Una donna di 80 anni dopo aver letto il Libro scrive una lettera in cui dice “…mi è passata la voglia di morire”, compie così un’inversione di marcia, si guarda e trova dentro di sé la voglia di morire, tutti noi nascondiamo nelle pieghe dell’essere il desiderio di annientarci che insospettabilmente, assieme alla Speranza, oscurano il nostro essere…

Tra i poteri creativi dell’uomo tra cui vi è sia il Sogno che il desiderio, trovi un altro potere infallibile è la Death Urge, uno stato d’essere che ti porterà a colpire il bersaglio con assoluta certezza. Allenati all’autosservazione e avrai la forza di capovolgere il tuo desiderio più grande, quello di morire. Scoprirai così che il volto nascosto della Death Urge è la Life Urge,realizzando così la certezza di poter vivere per sempre, perché la vita non può morire, la vita è per sempre.

 

Jam Session
Jam Session con Rossella
WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com